Paolo Pirani

I lavori di Axel Void sono all’incrocio tra street art e pittura. I murales che realizza nei vari posti del mondo che visita immortalano le figure delle comunità con le quali interagisce: dietro ogni suo lavoro si intuisce un lungo lavoro di immersione nei luoghi che andrà poi a ridipingere. Quello che Axel Void crea per le strade certamente rende più bello il panorama urbano, ma è evidente che non è questo l’obiettivo principale.

In una intervista spiega che “lo scopo ultimo dell’arte è raggiungere le persone e [l’arte] è un modo potente per toccare le persone. Raccontare storie è parte della nostra storia da quando abbiamo iniziato a dipingere le caverne, e questo approccio mi piace e vorrei fosse più comune”.

I suoi quadri hanno la stessa ricetta di emotività, denuncia e un tocco dark; una commistione che ha fatto guadagnare a questo artista uno spazio nell’esibizione di Banksy “Dismaland”.

Credits by: Axel Void

5 Condivisioni